La nostra storia

 

Gianni racconta la storia di Oro Fresca:

Ho iniziato a valutare l’idea di una birra tutta mia nel 2013, perché volevo un prodotto che distinguesse il mio locale. Il mio sogno era una birra dissetante e alla portata di tutti, così iniziò la ricerca.

Dopo numerose visite presso i birrifici della zona mi imbattei in qualche problema, delle sfide che dovevo superare. Prima di tutto, pochi birrifici al tempo mi potevano garantire la qualità del prodotto costante che richiedevo. Volevo inizialmente una birra “a KM zero”, e non riuscivo a trovare il birrificio ideale.

Fortuitamente sono venuto a conoscenza di un birrificio che, anche se non della zona, poteva assicurarmi tutto quello che desideravo per Oro Fresca. Mi sono rivolto ad un birrificio tedesco che mi letteralmente stregato! Mi hanno assicurato un prodotto buono, fresco e dal prezzo adeguato. E così fu. 

 Solo di una cosa non ero soddisfatto: l’immagine. Mi ritrovai quindi davanti un secondo problema, ovvero come “vestire” la mia birra. Anche in questo caso, l’incontro casuale con l’artista Matteo Boato è stato decisivo. Sarebbe stato lui a dare il tocco artistico che mancava a Oro Fresca ed è stato lui a creare l’etichetta.

Iniziai quindi ad etichettare ogni singola bottiglia a mano, ma quando le quantità diventarono troppo elevate chiesi al birrificio se potesse aiutarmi.

Il mio obiettivo è di dare a diversi artisti la possibilità di mettere il loro tocco a Oro Fresca. Mi piace immaginare il “box” Special 9 di Oro Fresca come non solo una normale scatola, ma anche come un pezzo di arte che entra in ogni casa. Ho sempre amato l’arte e con Oro Fresca ho trovato il modo di condividere questa passione!